l'Esame baropodometrico ci permette valutare la postura del corpo del paziente e realizzare plantari su misura per corregere o prevenire eventuali problemi

ESAME BAROPODOMETRICO POSTURALE

Contenuto

 A Cosa serve l’Esame baropodometrico e posturale

Il piede sostiene tutto il peso del corpo. Questo e dotato di una complessa struttura biomeccanica per adattarsi ai molteplici movimenti del nostro corpo, per cui costituisce la parte del corpo più suscettibile di subire lesioni.

La interazione tra:

1) La morfologia e la pressione del piede (dei suoi componenti, come le teste metatarsali, tallone ecc) 2) Calzature, postura, attività sportiva, tipologia di lavoro ecc

può condurre allo sviluppo disturbi posturali che provocheranno deformazioni e dolore in altre parti del corpo che necessariamente sono coinvolte nel nostro sistema motorio. Anche è importante notare che malaltie come il piede diabetico possono compromettere seriamente l’equilibrio posturale.

La procedura tecnica più efficace per analizzare questa relazione è la baropodometria, che consiste nell’analisi biomeccanica del piede, mediante scansione elettronica, fornendo informazioni accurate, quantificate e affidabili per l’analisi clinica.

Cosa è l’esame baropodometrico

La baropodometria studia la distribuzione e la misurazione delle pressioni plantari esercitate dalle diverse strutture somatiche corporee attraverso una piattaforma di registrazione elettronica.

La valutazione baropodometrica è una prova non invasiva, precisa e quantificata.

Dobbiamo anche aggiungere che l’ottenimento delle misure antropometriche attualmente eseguite in studi ergonomici, dovrebbe essere integrato con la baropodometria computerizzata, perché quando, per esempio, si effettuano misurazioni degli arti inferiori senza carico, in condizioni statiche, otteniamo dati molto limitati in relazione a posizioni dinamiche, sia in posizione eretta che in deambulazione; Misure di questo tipo possono portare a un errore e portare a considerazioni completamente sbagliate. Nel nostro studio usiamo la tecnologia informatica virtuale per ottenere un esame posturale completo statico e dinamico.

Come si fa un esame baropodometrico?

Analisi statica

Con il paziente in appoggio bipodale o in piedi sulla piattaforma vengono mostrate le immagini dell’impronta L’ortostatismo bipodalico statico consente di valutare: Punti di appoggio di ciascun piede, gli stessi proiettati in una gamma di colori diversi, i punti di carico massimo rappresentati in colore rosso in blu scuro per quelli con pressione più bassa. Centri di pressione delle due gambe e proiezione del centro di gravità nel poligono di supporto Baricentro del corpo Alterazioni della proiezione del centro di gravità a destra o a sinistra, in avanti o indietro e le inclinazioni del bacino Oscillazioni del corpo. Valori numerici di superficie, carico medio, retropiede – rapporto dell’avampiede, carico di peso in ciascuna gamba. Titolazione isobarica in tre colori per una rapida visualizzazione delle diverse pressioni e quindi le zone di iperccarico o di ipoccarico.

Analisi Dinamica

Per valutare lo studio della marcia il paziente cammina sulla piattaforma dottata di vari sensori che registrano l’evoluzione cinetica del movimento. L’impronta dinamica riprodotta in modo globale ci permette di osservare lo sviluppo del passo di ogni piede, ottenere risultati di forza, sovraccarico, analizzare la pressione plantare durante la marcia, essere in grado di osservare lo sviluppo delle pressioni medie/ max e gli assi del piede in ogni passo, cosí come tracciare la curva di trasferimento del carico e la visualizzazione della proiezione del baricentro e dello spostamento del centro di gravità in ogni una delle fasi della marcia.

Con il test baropodometrico siamo in grado d’individuare per esempio:

L’asse direzionale della linea centrale della pressione (può indicare instabilità, talalgia o marcia con cifosi o scoliosi)

Pronazzione o supinazzione, piede cavo, piede piatto

Dismetria degli arti inferiori a causa dell’alterazione del carico di peso o delle alterazioni strutturali.

Esame posturale completo

La visita baropodometrica ci fornisce molti dati per eseguire un diagnostico delle diverse patologie posturali, ma non è sufficiente per ottenere uno studio completo.

Nell nostro Studio, effettueremo una ANALISI DELLA POSTURA COMPLETA attraverso diversi test tecnici che verrà a completare i dati ottenuti dall’ esame baropodometrico computerizzato dei piedi.

Inoltre, non dimentichiamo il PODOSCOPIO, uno strumento classico fondamentale per mostrare il carico posturale con luci a LED, che ci permette concludere l‘analisi stabilometrica, piccole variazioni del senso del corpo in senso antero-posteriore e laterale e disturbi dell’equilibrio del baricentro corporale rispetto alla gravità.

Con tutti questi dati, il dottore vi consegnerà un rapporto diagnostico dettagliato e  un PIANO MEDICO PERSONALIZZATO per correggere o prevenire eventuali patologie attraverso diverse metodologie:

  • Tabella di esercizi isometrici e dinamici per mobilizzare e tonificare i muscoli interessati.
 
  • Raccomandazioni mediche per il quotidiano: igiene posturale al lavoro, tipo di scarpe adatte etc.

Esame posturale bambino

Attualmente lo stile di vita sedentario e i disturbi muscolo scheletrici sono aumentati considerevolmente nelle prime fasi, fino al punto  che il 55% dei bambini a scuola subisce alterazioni posturali, con disturbi del dolore vertebrale, iperlordosi e / o scoliosi.

Ciò è dovuto a posture inadeguate mantenute per troppo tempo, a un arredamento scolastico non sempre adattato allo studente e alla mancanza di un adeguato esercizio fisico che fornisce un’adeguata stabilità alla colonna vertebrale, oltre alla scarsa adozione di abitudini salutari e un’alimentazione sana. Per questo motivo è essenziale che le prime valutazioni siano fatte nei bambini e negli adolescenti, poiché quando questi disturbi sono studiati in tenera età, hanno una grande percentuale di successo nel loro controllo e correzione attraverso il programma di monitoraggio e riabilitazione posturale.

Se vuoi conoscere di piú su il piede infantile e le sue patologie, leggi il nostro articulo dedicato: il piede pediatrico

Quali sono i vantaggi?

Rileva allineamenti precocemente sbagliati che influenzano direttamente le diverse strutture del sistema locomotore.

Promuove una buona igiene posturale

Educa il paziente in aspetti meccanici e fisiologici che influenzano la postura del proprio corpo.

Previene tempestivamente al bambino e / o all’adolescente sul rischio di subire disturbi posturali e / o muscoloscheletrici.

Test baropodometrico per lo sport

Lo scopo di uno studio biomeccanico è quello d’individuare le cause fisicomotorie che ostacolano la buona pratica dello sport per svolgere il trattamento piú adatto per ogni singolo paziente.

Svolge inoltre un ruolo molto importante nella prevenzione di possibili lesioni.

A chi serve lo studio biomeccanico?

 

1. A chi da i primi passi nella pratica dello sport

Iniziare a praticare uno sport è una idea eccellente, ma farloin modo svagliato può portare a lesioni inaspettate.
Per questo motivo si consiglia di effettuare un esame biomeccanico per prevenire futuri infortuni o problemi in altre parti del corpo, come ginocchia, bacino, schiena, collo, ecc.

In particolare, consideriamo indispensabile eseguire il test baropodometrico se si tratta di uno sport d’impatto, come running, trekking, crossfit, tennis, padel, calcio ecc.

La prevenzione è cruciale per continuare a svolgere una vita in movimento: l’uso dei plantari ortopedici sportivi durante la pratica dello sport, per esempio, può aiutare non solo a prevenire le lesioni, ma anche a migliorare gli obiettivi dell’allenamento.

I dati rilevati dal test biomeccanico e posturale ci aiuteranno a creare una tabella di  esercizi e stretching personalizzati, per migliorare e correggere la prima, durante e dopo la pratica dello sport.

2. A qui pratica in modo regolare un’attività sportiva

Molto spesso gli sportivi si presentano nel nostro studio perché dopo un tempo più o meno lungo nella pratica di uno sport, cominciano a notare dolore ai piedi. Dolori che dolori che finiscono per coinvolgere le ginocchia, bacino, schiena, spalle, cervicali ecc. Ciò è dovuto in molti casi al fatto che non si è tenuto conto del fatto che, oltre al lavoro cardiovascolare,  anche c’è un lavoro fisico importante: l’impatto fisico delle articolazioni, dei muscoli ed ossa, che spesso sottovalutiamo fino che compaiono i disturbi sopprainidicati.

Sei interessato/a a questo esame? Contattaci